Cari bigotti, padri gay e madri lesbiche non torneranno nell’ombra proprio adesso che la battaglia è cominciata

Bigotti-padri-gay-e-madri-lesbiche-non-torneranno-nellombraLe ormai famose esternazioni di Aurelio Mancuso – rimarrà nella storia il suo “fate un passo indietro” rivolto alle coppie di padri gay – hanno fatto discutere tanto questi ultimi due giorni sui social network. E lui sapeva che sarebbe stato così, perciò non si capisce proprio la necessità di fare una tale sortita proprio adesso.Adesso che siamo tutti stanchi, delusi, nervosi, arrabbiati, per questo tira e molle snervante che va avanti da ben due anni.

Sembra che siamo arrivati all’ultimo (?) pezzo di strada e sta tutta in salita, specie per le famiglie arcobaleno, padri, madri e soprattutto bambini.

Personalmente trovo scandaloso e vergognoso ciò che ha fatto Mancuso proprio in questi giorni in cui abbiamo i riflettori puntati addosso da tutti i media. Forse non si è reso conto che ha portato acqua al mulino degli omofobi? Saranno tanto a dire prossimamente, citandolo, “vedete non sono d’accordo nemmeno tra di loro”. E di questo non avevamo proprio bisogno.

Mancuso ha fatto due errori madornali: uno è invitare i padri gay a tornare nell’ombra perché evidentemente danno fastidio a tanti, e tanti del suo stesso partito costituito da tantissimi omofobi patentati o leggeri che non pensano minimamente che i diritti di tutti i cittadini vadano equiparati. Non c’illudiamo: se il PD non ha proposto i matrimoni egualitari non è perché “il paese non è pronto” ma perché loro – con le dovute e bellissime eccezioni – non riescono a considerare le nostre relazioni così degne e belle come le relazioni affettivi eterosessuali. Il PD rimane un partito conservatore e ci farà – forse – la grazia, con le unioni civili. Forse. E dovremo persino dire grazie, secondo loro. Quante volte li abbiamo sentito dire “vi daremo dei diritti” come se, in una democrazia occidentale del 2015,  non spettassero a tutti i cittadini le stesse tutele da parte dello stato. Le stesse.

Purtroppo il Pd è il riflesso perfetto di uno stato-amministrazione profondamente patriarcale che concede – forse – la grazia, con tante riserve, a 3 milioni e più di cittadini omosessuali e transessuali. E Mancuso in fin dei conti liscia il pelo al suo partito, invitando i più coraggiosi fra noi, i padri gay, a tornare nel buio, a nascondersi, a non raccontare le loro storie fatte di riflessioni, di sacrifici e di grandissimo amore.

Mancuso sbaglia una seconda volta perché, non avendo lui desiderio di paternità e dubitando della bontà e della bellezza della Gestazione per Altri etica, mette in dubbio i racconti e le storie dei padri  ma soprattutto mette in dubbio e non ascolta  le parole delle donne stesse. Mancuso sembra appartenere anche lui a un mondo fortemente tradizionale dove le donne devono continuare a essere possedute dai maschi eterosessuali per produrre i loro figli che poi vengono marcati col solo nome paterno. E non sembra volere concedere a loro qualità come la consapevolezza, la libera scelta, l’altruismo, la compassione, la sicurezza.

Eppure, noi mamme italiane avremmo moltissimo da imparare da loro se vogliamo un giorno liberarci da quest’immagine che pesa come un macigno sulle nostre vite di Madonne e vergini che ci costringono in ruoli da cui a fatica riusciamo a uscire. E non sempre ci riusciamo.

Voglio rendere omaggio alle donne che fanno figli per altri, consapevolmente, con coraggio e determinazione, accompagnati dai propri mariti che non si reputano proprietari dei grembi e del cervello delle loro mogli.

La gestazione per altri, fatta dalle donne libere che non hanno bisogno dei 15.000 euro che vengono dati loro come piccolo ringraziamento per il regalo della vita che fanno a coppie sterili (eterosessuali e omosessuali), è l’ultima grande battaglia che pretende nello stesso tempo di sconfiggere patriarcato e soprattutto matriarcato. Eh si! Perché non c’è nulla di più rivoluzionario di una donna che decide di usare il proprio corpo non per fare un figlio a suo marito, e nemmeno per se stessa, ma per farlo a coppie sterili. È un dono straordinario che soltanto le donne possono fare e questo dimostra tutta la loro meravigliosa potenza. E questa potenza fa paura perfino a certi attivisti-politici gay che lottano, dicono, per liberarci dalle costrizioni della nostra cultura giudeo-cristiana, costringente, misogina e maschilista.

Invece noi tutti, al posto di insultare l’intelligenza di queste donne, il loro profondo altruismo, la loro immensa forza e la lezione che danno a tutti noi, dovremmo soltanto avere un immenso rispetto per loro. E dovremmo avere altrettanto rispetto per i padri gay e essere orgogliosi di loro perché sono gli unici che danno loro visibilità e che danno loro il modo di raccontare le proprie storie tramite  i loro racconti mentre le coppie eterosessuali sterili si nascondono e non osano nemmeno parlarne in famiglia. I padri gay sono gli unici a metterci la faccia e se un giorno qualcosa cambierà per migliorare la vita di tutti, sarà proprio per la battaglia che noi di Famiglie Arcobaleno stiamo portando avanti da 10 anni !

E vorresti, Mancuso, che tornassimo nell’ombra? Per cosa? Compiacere i 30 e più bigotti del PD e gli omofobi tiepidi del tuo partito? Tanto i bigotti la stepchild non la voteranno e potranno domani essere compiaciuti di lasciare migliaia di bambini e ragazze in preda alla buona o cattiva volontà delle persone.

Concludo dicendo che il voto segreto e di coscienza su questo punto è l’ennesima vergogna e l’ennesimo sgarbo fatto ai nostri figli. A me piacerebbe conoscere uno per uno i nomi di chi voterà NO per garantire la sicurezza dei nostri figli. Vorrei guardarli in faccia uno per uno e farli conoscere più tardi ai nostri ragazzi.A questi non importa nulla che i figli sono già nostri, nati da un nostro progetto, non importa che crescono già fin dalla loro nascita con due genitori dello stesso sesso, non importa che è un dato di fatto e di realtà, a scuola e nei luoghi che frequentano, importa loro soltanto di compiacere il vescovo di turno, quello che protegge i pedofili che riempiono la loro chiesa.

E mi sento di dire un’ultima cosa: si vergognassero tutti quelli che ostacolano il libero discorso su questi temi, che vorrebbero silenzio e ombre su storie e racconti fatti di mille luci.

Sì, vergogna!

http://www.lgbtnewsitalia.com/commento-2015-10-19-cari-bigotti-padri-gay-e-madri-lesbiche-non-torneranno-nellombra-proprio-adesso-che-la-battaglia-e-cominciata/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...