Urge andare a Venezia

venezia gp

http://www.demotix.com/news/5126219/venice-gay-pride-2014#media-5125519

Il nuovo sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, oggi su ‘Repubblica’ si esibisce in un classico «non sono omofobo, ho anche amici omosessuali» per poi definire il Gay Pride «una buffonata» (fin qui, parere personale ma del tutto legittimo) e infine allargarsi nel rifiutare l’idea di una manifestazione arcobaleno in Laguna: «Vadano a farla a Milano».

venezia gp1

http://www.demotix.com/news/5126219/venice-gay-pride-2014#media-5125519

Tralascio la percezione che il Brugnaro evidentemente ha del capoluogo lombardo, visto come una contemporanea Sodoma dove ogni perversione è consentita, signora mia. Fa ridere, ma appunto non è qui la questione.

Che risiede invece nella vagheggiata sottrazione di Venezia dal territorio di una democrazia dove chiunque, gay o non gay, può allegramente festeggiare l’orientamento sessuale proprio o altrui in piena libertà, con buona pace di chi considera tale evento una buffonata.

venezia gp2

http://www.demotix.com/news/5126219/venice-gay-pride-2014#media-5125519

Un sindaco non ha il diritto di limitare la libertà d’espressione. O anche solo di provarci. O semplicemente di lasciarlo intendere. Non ce l’ha, punto. E non glielo si può consentire.

Non è un feudatario. I suoi poteri finiscono dove inizia la Costituzione.

Troppe volte, in questi anni, abbiamo derubricato nella categoria del folclore o del trash le intemerate mediatiche di tanti analfabeti della democrazia: lasciando, con questa inerzia, che proseguisse la deriva di civiltà, di libertà, di intelligenza e di diritti.

Urge quindi andare a Venezia.

Urge andare a Venezia per un Gay Pride straordinario: quali che siano le nostre preferenze sessuali. Per riaffermare alcuni principi semplici e ma inalienabili, propri di un Paese libero.

Urge andare a Venezia, colorando d’arcobaleno calli e campi, gondole e barconi. Per far rimangiare a questo wannabe califfo le sue minacciose parole, per mostrargli che la democrazia è più forte di lui e di quelli tristi come lui.

http://gilioli.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/08/26/urge-andare-a-venezia/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...