Milano: sesso, denunce e segreti. La polizia indaga tra le celle dell’abbazia di Chiaravalle

preti_gayE’ uno dei simboli della cristianità milanese, un luogo storico di preghiera e accoglienza. Ma intorno all’abbazia di Chiaravalle, a Milano, il monastero cistercense fondato nel XII secolo da san Bernardo da Chiaravalle, meta ogni anno di migliaia di visitatori e fedeli, si addensano le ombre dell’omosessualità, di rapporti equivoci tra religiosi e ospiti, incontri clandestini nell’oscurità delle celle. Sono almeno quattro le persone che, in modalità diverse, hanno raccontato di approcci di questo tipo all’interno del monastero. Nulla di penalmente rilevante, va specificato, dato che la Procura ha iscritto nel registro degli indagati per violenza sessuale due monaci, poi — dopo aver indagato per quasi sei mesi — ha chiesto l’archiviazione perché «non è stato comunicato alcun elemento idoneo a riscontrare l’originario ipotesi investigativa» perché «non sono emersi elementi idonei a sostenere l’accusa agli indagati di violenza sessuale».

In un caso, uno degli ospiti «dichiarava di essere stato consenziente alla consumazione del rapporto sessuale con un monaco»; altri che hanno raccontato approcci sessuali «hanno deciso di non sporgere querela»; sul denunciante, la Procura scrive che «non avrebbe manifestato un esplicito dissenso». Nessuna violenza sessuale, dunque, nessuna prova di costrizione, anche se video e racconti documentano atti sessuali consumati in abbazia.

A rivolgersi alla Procura, nel settembre 2013, è un italiano di 45 anni, con un passato da ‘postulante’, che ha raccontato di essere finito in Abbazia, pochi mesi prima, «poiché vivevo in uno stato di indigenza a causa della perdita del lavoro». Quando si è recato per cercare cibo e un posto dove dormire, sono iniziati gli approcci. In vari incontri, racconta, un monaco «mi ha sfiorato le cosce da sopra i pantaloni, mentre altre volte mi ha sfiorato il pube. Nell’ultima occasione, il giorno di Ferragosto, ha introdotto la mano nei miei pantaloni e ha palpato i miei genitali, da sopra le mutande. Tuttavia, costretto dalla necessità di mangiare sono tornato ancora nella predetta abbazia per prendere il cibo e spesso il religioso ha ripetuto le stesse molestie».

Un secondo ospite, un albanese di 44 anni arrivato in Italia con un permesso di soggiorno per fini religiosi, ha raccontato di aver avuto incontri sessuali nella sua stanza con dei monaci. «Ero consenziente», ha messo a verbale. E, dopo essere stato invitato ad abbandonare l’alloggio, ha prodotto agli investigatori dei video, che lo mostrano durante rapporti orali e palpeggiamenti. Anche altri due ospiti del monastero — un romeno di 18 anni e un italiano di 40 di Roma — hanno raccontato di essere stati avvicinati da alcuni religiosi. I due non hanno fatto denuncia, perché hanno preferito andar subito via da Chiaravalle. La testimonianza del romeno è in un video portato in questura. «Dormivo per strada — dice — in quel posto approfittano dei ragazzi». E adombra il sospetto del ricatto. «I ragazzi non hanno dove stare, vanno per chiedere aiuto, poi vengono toccati».

Su questi atteggiamenti, la Squadra mobile, in una informativa, scrive che «sebbene contrari all’austerità richiesta a un monaco, non sembrano avere i connotati di violenza, minaccia o abuso di autorità, perché il monaco non ha trattenuto il giovane contro la sua volontà e, respinto, si è allontanato». Il quarantenne italiano, a Chiaravalle per intraprendere un percorso religioso, racconta di essere andato via ai primi approcci. «Ero lì a dormire — racconta in una telefonata registrata — sentivano che rientravo in camera, venivano e cominciavano a toccare. Non sono stato sereno nemmeno un giorno».

Gli investigatori hanno raccolto anche la versione dei religiosi. «Non ho mai commesso simili fatti — dice uno dei due indagati, per i quali è stata chiesta l’archiviazione — le imputazioni sono destituite di ogni fondamento». E replica alle accuse, definendo l’albanese che lo chiama in causa e ha registrato le testimonianze, «inadatto alla vita comunitaria», che «non rispetta le regole», «invidioso, sospettoso, geloso». E ricorda che, nell’agosto 2013, «è stato incaricato un legale per mandarlo via». Il secondo monaco, un messicano, ammette di aver «toccato o sfiorato il corpo» dell’albanese. «Già nel 2009 ha cominciato a farmi avances e a proporre argomenti sessuali. Alla fine ho ceduto — dice — ci sono state due o tre occasioni durante le quali ci siamo scambiati carezze intime. Faccio presente che quando ha proposto di andare oltre, io ho rifiutato».

La polizia ascolta anche il priore dell’abbazia (non coinvolto, né indagato) che difende i suoi confratelli, alcuni arrivati a Chiaravalle dopo la chiusura del monastero di Santa Croce in Gerusalemme a Roma. Gli investigatori ne chiedono le ragioni. «Alla fine del 2009 — risponde il priore — a Santa Croce arrivò una visita apostolica per fatti degli anni precedenti, su cui ha indagato la magistratura per reati di natura sessuale». Fu papa Ratzinger a ordinare la chiusura del monastero. Il decreto è stato firmato l’11 marzo 2011 dal prefetto della Congregazione per gli istituti di vita consacrata del Vaticano. «La Congregazione — recita il decreto — sopprime l’abbazia di Santa Croce in Gerusalemme in Roma e dispone che i monaci si trasferiscano entro due mesi nei monasteri della congregazione

di San Bernardo in Italia». Decisione mai del tutto motivata. L’abbazia era frequentata da politici e vip della mondanità romana, guidata da un abate con un fumoso passato nel mondo della moda, e spesso ospitava set di trasmissioni tv. In quelle settimane si parlò anche di «abusi liturgici gravi» dei monaci, «problemi nella conduzione della comunità» e sui giornali si fece riferimento ad «amicizie anomale» tra i religiosi.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/12/15/news/sesso_denunce_e_forse_ricatti_i_segreti_tra_le_celle_dellabbazia_di_chiaravalle-102898800/?ref=HREC1-14

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...