Il matrimonio secondo la Bibbia

bibbiaLa filastrocca la conosciamo tutti: il Levitico condanna i gay (anche se tecnicamente se la prende solo con i passivi, ndr) e poco importa se la gravità viene paragonata al mangiare crostacei dato che quando Gesù ha criticato quelle pagine è «ovvio» che intendesse permettere agli eterosessuali di mangiare l’aragosta senza mettere in discussione qualsivoglia condanna dell’omosessualità (per l’abominio del raccogliere gli uccelli morti per strada non è pervenuta alcuna spiegazione, ndr).
Ma se la coerenza non è un optional, chi usa una lettura testuale della Bibbia per condannare gli altri dovrebbe poi difendere tutto ciò che c’è scritto, senza scegliere di interpretare solo ciò che è scomodo per sé stesso. Ed è così che la forma di famiglia descritta dalle scritture non lascia ombra di dubbio: l’amore non c’entra nulla con il matrimonio e la donna è una «proprietà» da usare.
La Genesi dice che se qualcuno muore prima di aver avuto un figlio dalla moglie, suo fratello sarà obbligato a sposare le vedova per poi metterla incinta (e chi non lo fa viene ucciso da Dio). Il Deuteronomio aggiunge che è possibile sposare una vergine appena stuprata dietro il pagamento di cinquanta sigili d’argento al padre e che i soldati -dopo aver ucciso uomini, donne e bambini- possono liberamente prendere in moglie le vergini divenute prigioniere di guerra. Ed ancora, secondo l’Esodo un padrone può decidere la moglie per i suoi schiavi maschi e, una volta messa incinta, la donna e la prole resteranno di «proprietà» del padrone a meno che lo schiavo non decida di sottomettersi a vita a quest’ultimo. Poligamia e concubine vanno benissimo, ma le donne facciano molta attenzione a giungere vergini all’altare o sarà possibile ucciderle mediante lapidazione.  Ai genitori è data facoltà di scegliere le mogli o i mariti della prole.
Ora, qualcuno può davvero credere che sia questo il messaggio del cristianesimo? Probabilmente no… ma chi cita le fonti bibliche nel sostenere che «l’amore non basta a creare una famiglia», allora non può che sostenere implicitamente anche tutto il resto (ossia che l’amore non debba essere il collante del matrimonio e che è possibile comprare moglie dopo averla violata contro la sua volontà).
Possibile che in tutte quelle ore passate in piedi nelle piazze a nessuno sia venuto da chiedersi se il messaggio d’amore dei Vangeli sia “altro” rispetto ad un mezzo utile per reprimere l’altro a difesa del proprio status quo?

Fonte: http://gayburg.blogspot.com/2014/06/il-matrimonio-secondo-la-bibbia.html#ixzz34WMDAqTe

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...