Volano gli stracci nel cuore di Arcigay: al Cassero si combatte la guerra dei Presidenti onorari

cassero4

Molti hanno letto degli ultimi accadimenti accorsi in quel di Bologna Arcigay. Ma molti ignorano i più banali retroscena della nobile associazione.

Arcigay è il Cassero e il Cassero è Arcigay, da qui non si scappa, è così da 30 anni e sarà così per i prossimi 30 (o no?)

La storia lo insegna, piazzato Franco Grillini al Parlamento venne il turno Di Lo Giudice sedere sugli scranni della ex più grande associazione lgbt europea (adesso che le saune sono fuggite i tesserati si contano a centinaia e non più a decine di migliaia).

Lasciando la Presidenza nel 2007 egli contava nel governo Prodi, da cui venne nominato Presidente della commissione Pari opportunità, per cominciare il salto verso il Parlamento, salto che fallì per la caduta del governo stesso e successive elezioni che la sinistra perse.

Nel frattempo il Presidente nazionale eletto Aurelio Mancuso non fa mistero della sua volontà di scendere in pista per una candidatura alla Camera dei Deputati e subito un misterioso ribaltone lo sbatte fuori e piazza al suo posto il nostro sempre amato sonosoloiol’expresidentenazionale.

Quando quest’ultimo, da molti definito un presidente eletto per starsi buono e zitto, alza la testa e osa persino spostare di fatto la sede nazionale a Roma viene immediatamente silurato e rispedito in quel di Giarre a fare non si saprà mai cosa (a proposito ma ha trovato un lavoro?) e viene fatto eleggere l’apparentemente innocuo Flavio Romani. Nel frattempo torna in pista anche l’old Franco Grillini che aveva perso molto smalto con la sua candidatura a Sindaco di Roma ottenendo il ben misero risultato dello 0,87 % con i socialisti per poi passare allo schieramento di Antonio Di Pietro.cassero3

Romani commette subito il primo errore: pieno appoggio al neo presidente del Cassero Vincenzo Branà (un tempo uomo di fiducia di Sergio Lo Giudice) che invece di proseguire con la strada consueta del Cassero fornitore di (ottimi) servizi per la comunità lgbt e discoteca incassa soldi viene tentato dal fare attivismo andando contro poi proprio a quel partito in cui Sergio Lo Giudice viene eletto come Senatore (come dimenticare la contestazione a suon di glitter contro Rosi Bindi alla festa dell’Unità di Bologna?).casserocontrapposizione

E allora 5 membri del direttivo sfiduciano Branà guidati da Michele Giarratano, suo marito, (guida anche dello sportello legale del Cassero e nel contempo socio di uno studio legale che si occupa anche di assistenza legale alle persone gay, attività spesso pubblicizzata, un leggero conflitto di interessi?).

L’old Presidente onorario Grillini scende in campo e difende la posizione di Branà, contro il PD reo di non averlo ricandidato dicono alcuni.

branàrestodel carlino

Da parte dei golpisti nessuna spiegazione anche se da molti soci ne viene richiesta a gran voce la diffusione delle motivazioni reali e allora si convoca in fretta e furia un’assemblea pubblica, pubblica per modo di dire perchè i giornalisti non sono ammessi e non viene ancora divulgato nulla.brana1

Non ci resta che chiedere lumi a Giacobbo in attesa del congresso provinciale che si terrà entro due mesi essendosi dimessi i 4 filo-Branà.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...