Il Caso Pasta Barilla e il movimento gay italiano: prove tecniche di maturità

we_shall_overcome_pin-re86e94795d444a8ebb939416e6c2cd1c_x7j18_8byvr_512

Avete spesso letto le nostre aspre critiche allo sgangherato movimento gay italiano, le sue lotte intestine ed economiche, il bassissimo livello politico dei suoi capi e capetti. Non abbiamo cambiato parere ma forse dopo il tunnel si intravede uno spiraglio di luce.

Dopo anni in cui in arcigay comandavano personaggi di basso livello, miranti solo a case con vista al colosseo, titoli sui giornali a seguito di notizie di dubbia provenienza se non inventate, tesoretti nascosti; dove altri circoli locali nascondono i bilanci, e altre amenità del genere, facendo toccare al movimento gay italiano il livello più basso della storia politica, qualche segnale di speranza ci giunge dalla vicenda barilla vs gay.

Per la prima volta grazie alla guida del nuovo presidente Arcigay Flavio Romani, romani all’eccellente gioco di squadra di esponenti di associazioni, Aurelio Mancuso di Equality in testamancuso, e parlamentari provenienti dal movimento lgbt, il deputato SEL Alessandro Zan zan e il senatore PD Sergio Lo Giudice, lo giudicedi fronte all’ennesima dichiarazione omofoba non si è chinato la testa ma si è cominciato a costruire quella lobby gay che tutti ci auspichiamo facendo vedere i sorci verdi alla Barilla http://www.arcigay.it/comunicati/famiglie-arcigay-rilancia-il-boicottaggio-di-barilla-siamo-tutt-della-stessa-pasta/.

Bene, finalmente si riesce a lavorare in squadra, con la comunità gay, i parlamentari gay (non Scalr8) e le associazioni, e i risultati si vedono.http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2013/26-settembre-2013/barilla-mai-spot-famiglia-gay-2223312726264.shtml

Dopo i tre anni di fallimenti dovuti ad una dirigenza inadeguata, pareva che le sorti del movimento fossero i mano ad autonominati e trombati aspiranti presidenti reduci del regime sovietico anelanti la salma di lenin, arruffapopoli reduci da trattamenti sanitari obbligatori, presidenti camerieri in sedi/bar e nullità simili.

Bravi, ora finite di ramazzare e fare pulizia e poi come diceva Joan Baez ” we shall overcome”

Annunci

One thought on “Il Caso Pasta Barilla e il movimento gay italiano: prove tecniche di maturità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...