Rossana Praitano insulti e omofobi stupidi: c’erano le telecamere

Solidarietà alla compagna Rossana Praitano, candidata al comune di Roma nelle file del Partito Democratico, qui nella sua pubblicità elettorale in stile Matteo  Renzir

Sempre fortunata la compagna Praitano, se la sua candidatura andava un po’ a rilento, senza che nessuno ne parlasse è bastato che alcuni imbecilli omofobi scrivessero quattro cazzate sui muri del cortile del Mario Mieli per regalarle colonne e colonne di articoli giornalistici.

Imbecilli si, proprio imbecilli questi omofobi perchè come si vede dalle fotografie i muri lordati dalle loro fesserie sono perfettamente inquadrati dalla telecamere di sicurezza del collettivo omosessuale Mario Mieli.

scritte_omofobe_contro_attivista_glbt_candidata_in_campidoglio_rossana_praitano_1

mmAllora basterà consegnare le registrazioni alla polizia e i fessi verranno arrestati.

Questa volta le telecamere funzionavano, mica come alcuni anni fa quando una banda di fascisti irruppe nel circolo urlando slogan omofobi e devastando le scrivanie ma poi si scoprì che proprio quel giorno le telecamere erano rotte e i volontari avevano rimesso tutto in ordine per non fare brutta figura con la DIGOS (saranno stati aiutati dai camerieri della casa delle cene eleganti?)

Onore al merito alla fortuna e alla bravura della compagna Rossana Praitano, la vedremo volentieri al Campidoglio.

 

 

Annunci

One thought on “Rossana Praitano insulti e omofobi stupidi: c’erano le telecamere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...